PianoArc: Un pianoforte circolare adatto ai principi e alle superstar

Judy Warner
|  Created: September 27, 2019  |  Updated: December 9, 2020

All'inizio di quest'anno ho incontrato un coinvolgente progettista del San Diego Altium Users Group. Dave Starkey mi ha parlato di un pianoforte circolare che lui e i suoi soci avevano progettato e costruito, chiamato Pianoarc. In questa intervista, scopriremo di più sul background di Starkey e su come abbia collaborato alla creazione di questo strumento unico, che ora abbellisce il Middle Eastern Palace e viene suonato in tutto il mondo dal visionario del PianoArc, Brockett Parsons, tastierista di Lady Gaga.

Dave Starkey e Brokett Parsons ad Abu Dhabi

Judy Warner: Dave, raccontaci della tua carriera ingegneristica e di come sei arrivato a progettare e sviluppare PianoArc.

Dave Starkey: Al liceo ho deciso che volevo essere un musicista professionista, o in alternativa, creare strumenti musicali. È diventato nel tempo estremamente chiaro che la carriera da musicista non avrebbe funzionato. Quindi, mi sono concentrato sulle tecnologie che hanno sviluppato gli strumenti musicali elettronici, durante il mio corso di laurea BSEE alla Purdue University. Ho poi passato molti anni a progettare una vasta gamma di prodotti musicali, che hanno portato a 16 brevetti e a vendere la mia società di ingegneria alla National Semiconductor. Dopo aver lasciato la National, ho sviluppato un sistema per generare linguaggi MIDI in pianoforti acustici. Ho conosciuto Chuck Johnson, che si occupava di business d'impresa, sviluppando e installando laboratori di educazione musicale per le università. Al college, Chuck e Brockett Parsons suonavano assieme in una jazz band — Chuck era alla tastiera e Brockett suonava la tromba. Brockett ha continuato a suonare le tastiere come musicista di studio, ha vinto reality in TV, e infine è entrato a far parte della band di Lady Gaga. Brockett ha avuto l'idea di realizzare una suggestione visiva del pianoforte, poiché era praticamente invisibile nella stravaganza di Gaga.

Dave Starkey testando il Pianoarc

È stato allora che Brockett ha chiamato Chuck. Chuck mi ha chiamato per chiedermi se potevo adattare il mio sistema e integrarlo in una tastiera circolare. Beh, adoro le sfide, quindi ci siamo messi al lavoro. Ho riprogettato alcuni PCB esistenti, utilizzando Altium Designer, e ho riconfigurato il sistema di scansione dei tasti esistente. Tutto questo ci ha permesso di produrre la nostra prima unità in circa tre mesi, del peso di poco più di 400 chilogrammi. Nulla di quell'unità era pronta per la produzione o addirittura riproducibile.

Brockett Parsons e Lady Gaga 

Warner: Quali sono le caratteristiche del Pianoarc che lo rendono attraente per i musicisti?

Starkey: In primo luogo, l'effetto "wow" sul palco è spettacolare. Oltre a ciò, i 288 tasti codificati per colore, consentono la mappatura di un set completo di suoni in un piano continuo. Per esempio, Brockett corre spesso con un pianoforte nella parte frontale del palco, un suono sintetizzato alla sua destra, corde a sinistra e una batteria completa dietro di lui. Come effetto "wow", il rilevamento continuo della posizione dei tasti permette a questa tastiera di ripetersi più velocemente di qualsiasi altra tastiera sul mercato. Quindi sì, è una novità, ma è anche uno dei migliori controller per tastiera sul mercato.

Tasti del pianoforte personalizzati per Pianoarc

Warner: Quali sfide ingegneristiche hai affrontato nello sviluppo del PianoArc?

Starkey: Ecco la lista, che non è così breve:

  • Creare un progetto senza l'utilizzo di attrezzature costose
  • Trovare il materiale giusto per realizzare i tasti. Abbiamo eseguito otto processi d'iterazione per ottenere la misura e la finitura richiesta.
  • Ridurre il peso per renderlo trasportabile. La prima unità pesava poco più di 400 chilogrammi, mentre le nuove unità pesano poco meno di 150 chilogrammi, già imballate in casse per la spedizione.
  • Renderlo modulare, in modo che l'installazione e lo smontaggio possano essere effettuati in pochi minuti.
  • Permettere che possa essere spedito dai corrieri più utilizzati, preferibilmente dalle compagnie aeree.
  • Avere il coraggio di finanziare e costruire prototipi.
  • La progettazione si è evoluta, al punto che i circuiti stampati fanno parte del sistema di allineamento meccanico dei tasti.
  • Trovare un modo per renderlo economicamente conveniente.

Pianoarc con set di luci al neon

Nel mondo di oggi, le tastiere sono prodotte in serie con strumenti costosi. Il nostro budget ingegneristico è minimo e il prezzo delle parti in plastica delle attrezzature è troppo alto. La stampa 3D di 300 tasti è estremamente costosa e non si avvicina alle tolleranze richieste dai musicisti. Così abbiamo trovato un'officina meccanica molto collaborativa, che ci ha accompagnato con entusiasmo in ogni passo del nostro percorso. Abbiamo utilizzato diversi materiali e sviluppato processi, fino a quando siamo riusciti a realizzare i tasti che produciamo attualmente. In poche parole, questa è stata una progettazione molto impegnativa!

PCB e tasti in fase di progettazione

Warner: Che tipo di PCB ci sono all'interno di quella "cassa", per così dire?

Starkey: Oggigiorno la progettazione è limitata a cinque PCB e un totale di 34 assemblaggi PCB, per un sistema completo a 360 gradi e 288 note. Tredici di loro sono a quattro livelli. Gli altri sono a due livelli. La scatola di controllo montata sul rack ha anche un PCB a quattro livelli. Queste schede utilizzano un totale di 18 microprocessori Kinetis, ciascuno con una porta USB. Tutti i processori nella parte circolare comunicano con la scatola di controllo, che mette assieme e traduce tutte le informazioni. Quindi i dati vengono inviati a un computer o a un sintetizzatore tramite USB, oppure a un buon MIDI vecchio stile.

Il team Pianoarc alla fiera

Warner: A chi è piaciuto il PianoArc dal punto di vista del mercato?

Starkey: L'adattamento al mercato dei prodotti è una sfida! Per molti, il prezzo da noi richiesto sembra astronomico. Detto questo, ci sono appassionati di pianoforte e tastiera che vogliono distinguersi e che possono permettersi di rivoluzionare i loro impianti e le loro performance, come persone che amano le cose da duri e in generale come dicono i principi o le superstar che riempiono gli stadi!

Tasti di pianoforte personalizzati per un adattamento circolare

Warner: Grazie mille, Dave, per aver condiviso la storia di come tu e i tuoi soci avete sviluppato Pianoarc. Un ringraziamento speciale, inoltre, per aver accettato di portare un PianoArc da esporre all'AltiumLive di San Diego e avere al tuo fianco Brockett per poterlo suonare. Siamo tutti ansiosi di vedere PianoArc in azione e non vediamo l'ora di sentirlo suonare da Brockett!

Starkey: Piacere mio, Judy. Non vediamo l'ora di condividere il nostro PianoArc anche con la Community di AltiumLive.

About Author

About Author

Judy Warner ha ricoperto diversi ruoli nel settore dell'elettronica per oltre 25 anni. Ha esperienza nella produzione di PCB, RF, microonde e nella produzione a contratto di PCB, specializzandosi nelle applicazioni per l'industria aeronautica e militare.

È stata anche scrittrice, blogger e giornalista per varie pubblicazioni del settore, tra cui Microwave Journal, PCB007 Magazine, PCB Design007, PCD&F e IEEE Microwave Magazine, nonché membro attivo del consiglio di amministrazione della PCEA (Printed Circuit Engineering Association). Nel 2017, Warner è entrata a far parte di Altium come Direttore del coinvolgimento della comunità. Oltre a condurre il podcast OnTrack e a creare la newsletter OnTrack, ha lanciato la conferenza annuale degli utenti di Altium, AltiumLive. Warner è veramente appassionata nel fornire risorse e supporto ai progettisti di PCB in tutto il mondo.

most recent articles

Back to Home