Free Trial

Scarica una prova gratuita per scoprire quale software Altium si adatta meglio alle tue esigenze

Come acquistare

Contatta l'ufficio vendite locale per iniziare a migliorare il tuo ambiente di progettazione

Download

Scarica le ultime novità in materia di progettazione PCB e software EDA

  • PCB DESIGN SOFTWARE
  • Altium Designer

    Ambiente di progettazione completo per Schematici e Layout

  • CircuitStudio

    Tool di progettazione PCB professionale – Entry Level

  • CircuitMaker

    Strumento di progettazione PCB basato sulla Community

  • NEXUS

    Strumento ideale per la progettazione PCB in Team

  • CLOUD PLATFORM
  • Altium 365

    Connecting PCB Design to the Manufacturing Floor

  • COMPONENT MANAGEMENT
  • Altium Concord Pro

    Soluzione completa per la gestione delle librerie (Library Management)

  • Octopart

    Vasto database di componenti, facile da usare.

  • PRODUCT EXTENSIONS
  • PDN Analyzer

    Natural and Effortless Power Distribution Network Analysis

  • Vedi tutte le estensioni
  • EMBEDDED
  • Tasking

    Tecnologia di fama mondiale per lo sviluppo di sistemi Embedded

  • TRAININGS
  • Live Courses

    Scopri le migliori tecniche grazie alla formazione didattica disponibile worldwide

  • Corsi On-Demand

    Ottieni una conoscenza completa comodamente da casa o dall’ufficio

  • ONLINE VIEWER
  • Altium 365 Viewer

    View & Share electronic designs in your browser

  • Altium Designer 20

    Lo strumento di progettazione, per uso progfessionale, pià potente, moderno e facile da utilizzare

    ALTIUMLIVE

    Annual PCB Design Summit

    • Forum

      Dove utenti Altium ed appassionati del settore possono interagire tra loro

    • Blog

      Il nostro blog sugli argomenti che riteniamo più interessanti e che speriamo interessino anche a voi

    • Idee

      Invia le tue idee e vota le nuove funzionalità che vorresti vedere introdotte in Altium

    • Bug Crunch

      Aiutaci a migliorare il software inviando bug e votanto i topic che ritieni più importanti

    • Wall

      Una serie di eventi Altium Live che puoi seguire partecipando o iscrivendoti.

    • Beta Programm

      Informati su come partecipare al nostro Beta Programm ed accedi per primo a tutti i nuovi strumenti Altium

    Tutte le risorse

    Esamina il contenuto più recente dai post di blog ai social media e white paper tecnici riuniti insieme per la tua comodità

    Download

    Dai un'occhiata a quali opzioni di download sono disponibili per soddisfare al meglio le tue esigenze

    Come acquistare

    Contatta l'ufficio vendite locale per iniziare a migliorare il tuo ambiente di progettazione

    • Formazione & Eventi

      Guarda il programma e registrati agli eventi di formazione a livello mondiale ed online

    • Contenuto della progettazione

      Sfoglia la nostra vasta libreria di contenuti di progetto gratuitamente, compresi i componenti, i modelli e i progetti di riferimento

    • Webinar

      Partecipa a un webinar dal vivo online o ottieni accesso immediato alla nostra serie dei webinar su richiesta

    • Supporto

      Ottieni le risposte alle tue domande con la nostra varietà di opzioni self-service e assistenza diretta

    • Documenti tecnici

      Rimani aggiornato sulle ultime tendenze della tecnologia e del settore, con la nostra collezione completa di white paper tecnici.

    Cinque consigli per migliorare la DFM del tuo PCB

    Andrea Longobardi
    |  November 12, 2019

    Per la buona riuscita di un progetto PCB, oltre alla fase di design, è altrettanto importante la fase di produzione. Infatti, sono molti i dettagli necessari per costruire e assemblare un PCB che rispetti le performance di progettazione. In questo articolo sono descritti cinque “best practices” per migliorare la DFM del vostro progetto PCB.

    Includere i limiti del fornitore PCB nel Design Rule Check (DRC)

    Dipendentemente dal fornitore del PCB i limiti tecnologici per la fabbricazione della scheda con una buona resa saranno diversi in termine di spessore minimo di traccia (minimum routing width), distanza minima tra le tracce (minimum clearance) e altre specifiche che vedremo in seguito in maggior dettaglio. Inoltre, anche una volta scelto uno specifico fornitore, in genere vengono offerte diverse fasce di prezzo a secondo dei limiti tecnologici scelti; come lo spessore del rame, la richiesta tecnologie particolari come blind o buried via, oppure la necessità di riempirei le vie con materiale conduttivo (via fill).

    Una volta individuato il fornitore ed i limiti tecnologici specifici per il nostro PCB è considerata un’ottima prassi quella di inserire i limiti stessi nelle regole di progetto (DRC). Così facendo, una volta disegnato il PCB, possiamo essere sicuri che potrà essere costruito senza problemi.

    Con Altium è possibile impostare regole multiple per ogni parametro, una per ogni specifico fornitore ad esempio; basterà quindi abilitare quella relativa al fornitore selezionato prima eseguire il DRC.

    A close up of electronics

Description automatically generated

    Le prime regole da impostare sono ovviamente quelle sul minimo spessore di traccia utilizzabile e la distanza minima tra di esse. Molto spesso queste sono fornite direttamente dal PCB supplier; tuttavia si deve prestare attenzione al fatto che queste regole dipendono a loro volta dallo spessore del rame stesso (copper weight). Infatti, uno spessore maggiore del rame implica delle restrizioni sullo spessore minimo di traccia e distanza maggiori. Questo vincolo è dovuto al processo di etching stesso, il quale necessita di un tempo di esposizione più lungo su uno spessore di rame maggiore, intaccando il rame in maniera maggiore anche nella direzione orizzontale.

    A screenshot of a cell phone

Description automatically generated

    Ad esempio, come regola generale, per uno spessore di rame di 1 oncia (1oz), la distanza reale tra due tracce sarà circa 2 mils minore di quella presente originariamente sul Gerber file.  Per esempio, se avevamo disegnato una traccia minima di 6 mils, sul PCB otterremo 4 mils effettivi. E così via per ogni oncia di spessore in più la distanza effettiva tra le tracce diminuirà di un mils per oncia circa. Questa è una regola generale; si consiglia comunque di consultare il proprio PCB provider per ottenere i parametri precisi del processo di produzione PCB usato.

    Oltre alle tracce si deve tenere particolare attenzione anche alle vie, in particolare si deve rispettare le limitazioni del produttore del PCB in termini di minima sezione del foro di via e di minimo spessore della corona di rame intorno al foro (anular ring).

    Un altro layer critico per garantire il corretto assemblaggio del PCB è il solder mask layer; la cui principale funzione è quella di ricoprire le zone di rame su cui non deve essere effettuata nessuna saldatura, sia utilizzando solder paste che saldatura a mano. Di solito questo layer può essere configurato per essere semplicemente il negativo dei pads sui layer esterni. Tuttavia, quando dei dispositivi con fine pitch vengono utilizzati (minore di 0.4mm), potrebbe essere necessario allargare leggermente l’apertura di solder mask intorno al pad stesso (regola di solder mask expansion); così da tener conto di errori di tolleranza sul mask layer e garantire una buona esposizione del rame in caso di pad molto piccoli. Questa operazione fa sì che il layer di solder mask tra i pad stessi sia sempre più sottile fino ad arrivare ad un punto in cui il PCB provider on sarà in grado di deporlo. Il risultato sarà una totale assenza del solder mask tra i pad del dispositivo che può comportare la presenza di short durante il processo di assemblaggio e saldatura.

    Per ovviare a questo problema si può configurare in Altium un valore minimo supportato dal PCB provider per il solder mask Sliver, in genere 0.1mm dovrebbe essere sufficiente.

    A screenshot of a cell phone

Description automatically generated

    L’importanza del silkscreen layer

    Spesso non viene data sufficiente importanza al silkscreen layer, considerandolo solo un layer indicativo ma non necessario per una corretta produzione del PCB. Tuttavia, il silkscreen layer può risultare di fondamentale importanza, soprattutto durante la fase di assemblaggio. Difatti anche se nella maggior parte dei casi il processo di pick and place viene eseguito in automatico da macchine dedicate, ci sarà sempre un check eseguito da un operatore sul alcune schede campione. O quanto meno per il primo batch di produzione, in maniera da verificare il corretto funzionamento della linea di assemblaggio. Vediamo adesso come generare un silkscreen layer in grado di facilitare questa operazione e ridurre la probabilità di errore.

    Come regola generale il testo sul silkscreen layer dovrebbe avere caratteri di dimensione 1 mm minimo e disegnati con uno spessore di linea di 0.2mm. Buona norma è di posizionare il silkscreen designator indicante il riferimento di un componente vicino al componente stesso, ma non al di sotto, altrimenti verrà coperto dopo il placement.

    Uno degli errori più comuni durante la fase di assemblaggio è quella di sbagliare orientamento di un componente. Questo tipo di errore può essere eliminato se sul silkscreen layer è presente un’indicazione sul pin numero 1 del componente o del catodo nel caso di led o diodo. Anche in questo caso fare attenzione a non disegnare il riferimento del pin 1 sotto il componente, altrimenti non sarà visibile dopo la fase di placement. In caso di circuito integrato, può essere di aiuto al fine di evitare errori di orientamento disegnare il pad 1 del componente con forma diversa dagli altri, per esempio ovale.

    A screenshot of a video game

Description automatically generated

    Infine, si deve controllare sempre di non avere elementi del silkscreen layer sui pads, sui fori o le vie. Altrimenti non verranno stampati sul PCB. Qualora fosse necessario avere elementi del silkscreen layer sule vie (per esempio in presenza di zone estese di via stiching) si consiglia di configurare il tool di disegno in maniera tale da estendere solder mask layer anche sulle vie (Tented vias).  In Altium si può abilitare l’opzione via Tented nelle configurazioni di default dei via:

    Definire proprietà del PCB e altri dettagli di progetto nel Fabrication Sheet

    Al fine di tenere traccia delle caratteristiche del PCB e del processo di fabbricazione e assemblaggio si consiglia di includere alcuni dettagli nel fabrication sheet che verrà consegnato al costruttore. Qui di seguito sono elencate le principali caratteristiche da inserire come note nel suddetto fabrication sheet:

    • Tipo di dielettrico (ISOLA, ROGERS, etc…)

    • Numero di layers

    • Spessore totale del PCB

    • Spessore del rame su layer esterni

    • Spessore rame su layer interni

    • TG rating

    • Colore del silkscreen

    • Colore del soldermask

    • Presenza o meno di via-in-pad

    • Presenza o meno di buried o blind via

    • Richiedere il riempimento di alcune vie e specificarne il materiale (resina conduttiva, rame, etc..)

    • Presenza o meno di tracce ad impedenza controllata

    • Processo di finitura dei layer esterni (HASL, Immersion gold, etc..)

    • Se effettuare o meno test elettrico

    • In caso di tracce ad impedenza controllata richiedere report del test time domain reflectometer

    • Se aggiungere o meno il logo del produttore di PCB sul silkscreen

    • Richiedere di essere contattati nel caso assemblatore voglia effettuare la sostituzione di un componente nella BOM

    ​Fornire un stack up dettagliato

    Anche se alcuni dettagli sulla composizione del PCB sono già presenti nelle note del fabrication sheet è importante dettagliare la composizione dello stack up al fine di ottenere le performance aspettate sul PCB sviluppato. Spesso infatti considerazioni come dissipazione termica, integrità del segnale e caratteristiche meccaniche del PCB sono legate al rispetto dello stack up ipotizzato in fase di progettazione. Per ogni copper layer si dovrà quindi indicare lo spessore in termini di once (oz) e di particolare per i layer esterni si dovrà specificare lo spessore considerando anche il processo di finitura. Infine, per ogni layer di materiale dielettrico si dovrà indicare lo spessore, il materiale, il tipo (core o prepreg) ed il valore della costante dielettrica.

    A screenshot of a video game

Description automatically generatedCosa includere nella Bill of Materials (BOM)

    Cosa includere nella Bill of Materials (BOM)

    Al fine di evitare ambiguità durante il processo di procurament dei componenti e di assemblaggio della scheda, fornire una BOM dettagliata è sicuramente un’ottima scelta. Una BOM chiara e senza margine di incomprensione, oltre a ridurre rischi di errore, aiuta anche ad accelerare i tempi di produzione evitando continue richieste di chiarimento da parte dell’assemblatore del PCB. Al fine di ottenere una BOM dettagliata, oltre ai dettagli ovvi del componente, come riferimento su schematico e silkscreen, è necessario aggiungere anche ulteriori informazioni come:

    • Descrizione: descrizione dettagliato del componente, caratteristiche che lo identificano rispetto ad altri componenti simili, per esempio: diodo Schottky 30V 1A surface mounted SOD-123.

    • Datasheet Link

    • Produttore

    • Part Number del produttore

    • Distributore

    • Part Number del distributore

    • Link web del componente sul sito del distributore

    • Distributore alternativo

    • Opzione di assemblaggio: se il componente va installato o meno.

    • Rating: in tensione, corrente e/o temperatura.

    • Tolleranza

    • Footprint: possibilmente seguendo lo standard IPC-7351B

    • Sostituibilità: indicare se il componente è sostituibile con uno simile o meno.

    In generale maggiori dettagli saranno contenuti nella BOM minori saranno le possibilità di ambiguità. I vari campi possono essere completati al momento della creazione del componente, assicurandosi di includerli tutti così da generare una BOM omogenea.

    About Author

    About Author

    Andrea Longobardi è un Ingegnere Elettronico con più di dieci anni di esperienza professionale nella progettazione di sistemi embedded, dalla fase iniziale di concetto alla messa in produzione.Andrea ha lavorato per diverse aziende internazionali come ST Microelectronics, ARM, Amazon Prime Air e Maxim Integrated.
    Andrea possiede un’ampia esperienza su svariate applicazioni, come prodotti IoT, sistemi low power, piattaforme automotive, sistemi di controllo motori e droni.
    Al momento Andrea è un consulente indipendente specializzato nella progettazione di sistemi embedded.La sua passione è quella di aiutare i suoi clienti con lo sviluppo PCB e firmware di sistemi embedded e IoT.

    most recent articles

    Back to Home